L’eccellenza nel Diritto della Privacy

Dirittoprivacy.it nasce dall’esperienza maturata da ANGIF in materia di tutela dei dati personali, forte di un’esperienza ventennale dei propri membri in ambito di approccio legale alla privacy, quando ancora esisteva solo la Convenzione di Strasburgo n. 108 del 1981 e la Direttiva europea 95/46 era solo un progetto nella mente del legislatore europeo. Il suo fine è garantire la corretta applicazione del nuovo Regolamento europeo privacy 2016/679/EU sotto il profilo giuridico.

Dirittoprivacy.it raccoglie i contributi dei migliori esperti a livello nazionale e internazionale con esperienza almeno decennale in materia di tutela dei dati personali al fine di approfondire lo studio della materia seguendone l’evoluzione normativa, redigendo pareri indipendenti, sottoponendo bozze di linee guida e best practices per la migliore applicazione all’utente finale, che sia un’impresa privata o un ente pubblico, della regolamentazione europea in materia di privacy.

Nel dettaglio, Dirittoprivacy.it:

sorveglia e monitora le novità normative, regolamentari e di prassi dell’evoluzione del Regolamento privacy 679 per interpretarne l’applicazione corretta;

  • fornisce consulenza in merito a qualsiasi questione relativa alla protezione dei dati personali nell’Unione;
  • fornisce consulenza sul formato e le procedure per lo scambio di informazioni tra titolari del trattamento, responsabili del trattamento e autorità di controllo in merito alle norme vincolanti d’impresa;
  • esamina, qualsiasi questione relativa all’applicazione del regolamento privacy 2016/679  al fine di promuoverne l’applicazione corretta;
  • monitora le linee guida, raccomandazioni e migliori pratiche in materia di privacy per specificare il trattamento delle decisioni basate sulla profilazione ai sensi dell’articolo 22, paragrafo -osserva le linee guida, raccomandazioni e migliori prassi in materia di privacy emesse dalle istituzioni e dagli organi europei e nazionali per valutare la violazione di dati personali e determinare l’ingiustificato ritardo nella comunicazione del data breach in caso di violazione dei dati personali;
  • Analizza  linee guida, raccomandazioni e migliori prassi in materia di privacy relative alle circostanze in cui una violazione dei dati personali è suscettibile di presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche;
  • Controlla la pubblicazione di linee guida, raccomandazioni e migliori prassi in materia di tutela dei dati personali in relazione ai criteri e ai requisiti dei trasferimenti di dati personali basati sulle norme vincolanti d’impresa applicate, rispettivamente, dai titolari del trattamento e dai responsabili del trattamento, nonché agli ulteriori requisiti per assicurare la protezione dei dati personali degli interessati;
  • Sottopone alle autorità di controllo linee guida riguardanti l’applicazione delle misure di cui all’articolo 58, paragrafi 1, 2 e 3, e la previsione delle sanzioni amministrative pecuniarie ai sensi dell’articolo 83;
  • valuta l’applicazione pratica delle linee guida, raccomandazioni e migliori prassi in materia di tutela dei dati personali;
  • elabora linee guida, raccomandazioni e migliori prassi per stabilire procedure comuni per le segnalazioni da parte di persone fisiche di violazioni del regolamento privacy 679/2016;
  • monitora la pubblicazione di codici di condotta e l’istituzione di meccanismi di certificazione della protezione dei dati nonché di sigilli e marchi di protezione dei dati elaborate dalle Autorità di controllo;
  • osserva l’accreditamento di organismi di certificazione e il suo riesame periodico ad opera dell’Autorità di controllo e monitora il registro pubblico di organismi accreditati nonchè dei titolari o responsabili del trattamento accreditati, stabiliti in paesi terzi.
  • fornisce pareri per valutare l’adeguatezza del livello di protezione in un paese terzo o in un’organizzazione internazionale, così come per valutare se il paese terzo, il territorio o uno o più settori specifici all’interno di tale paese terzo, o l’organizzazione internazionale non assicurino più un livello adeguato di protezione;
  • promuove la cooperazione e l’effettivo scambio di informazioni e prassi tra i soggetti coinvolti in una approccio multistakeholders;
  • promuove programmi comuni di formazione e divulgazione della materia tramite seminari, convegni, corsi master, tavole rotonde, webinar, nonché la pubblicazione di materiale in materia di privacy a livello internazionale;
  • Costituisce un database delle decisioni amministrative e giudiziarie più rilevanti su questioni attinenti al trattamento di dati personali.