, , ,

La comunicazione 2018 del Garante su “Uso responsabile di smartphone e tablet in vacanza”

holiday-2880261_640

In vacanza, con il sole estivo si fanno tanti selfie come ricordo da postare sui social, ma attenzione a non esporsi eccessivamente, e questo consiglio è valido soprattutto per i minori, anche se la protezione conta per chiunque. Può capitare infatti che non tutti gradiscano essere riconosciuti sui social o far saper dove si trovano.

Occorre pertanto accertarsi sempre, soprattutto con l’uso dei tag, che le persone coinvolte siano d’accordo; l’attenzione va posta anche quando si pubblicano foto e video dei propri figli, bisogna essere consapevoli che potrebbero finire nelle mani di malintenzionati, nonostante i filtri che si possono apporre.

Sarà necessario in tal caso adottare alcune accortezze, come nascondere il viso del minore o utilizzare programmi di grafica per pixellare i volti: tali programmi sono semplici da usare e sono disponibili on line gratuitamente.

Per chi ama la riservatezza è meglio disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet, e ricordarsi che postando le informazioni sui social delle proprie vacanze, si potrebbero fornire indicazioni utili ai ladri-social su quando si parte e sul periodo di vacanza, in questo modo divulgando che la casa rimarrà vuota.

In ogni caso, e non solo nelle vacanze estive, buona norma è quella di non pubblicare mai notizie come l’indirizzo di casa o foto dell’appartamento.

Ulteriore consiglio è quello di “non abbandonare la casa” se all’interno della stessa vi siano prodotti e sistemi domotici, in quanto, così come altri dispositivi, possono subire attacchi informatici e virus, quindi, dove sia possibile, proteggere tali sistemi con password, aggiornamenti continui del software, alert per il controllo a distanza.

È opportuno controllare le impostazioni privacy dei social e condividere i post con gli amici più fidati, non accettare richieste di amicizia on line da chi non si conosce, sarebbe utili attivare un codice di sicurezza da ricevere via sms o via e-mail nel caso si acceda ai social da diversi dispositivi, in modo tale da rendersi conto di accessi abusivi sulle proprie pagine e di furti di identità.

Attenzione anche agli accessi tramite il pc di un internet cafè o di una postazione web dell’albergo; in tal caso è fondamentale ricordarsi di uscire dagli account rimuovendo le impostazioni che consentono di salvare le proprie credenziali nei browser di navigazione.

Fare molta attenzione a messaggi che contengono offerte straordinarie inerenti i viaggi e affitti di case vacanze, a volte basta un click per fornire dati personali e bancari, e possono essere in agguato virus informatici, software spia, ransomware e phishing. È utile impostare sistemi di alert che avvisino di addebiti non autorizzati.

Ulteriore accortezza è controllare che l’indirizzo dei siti su cui si fanno pagamenti on line non sembri anomalo e se le procedure di sicurezza standard per i pagamenti vengano rispettate, ad esempio la URL del sito che deve iniziare con “https” con il simbolo del lucchetto.

La vacanza è un momento dove scaricare app, film o altro è più facile, ma questo può celare virus o malware, proteggersi scaricando app dai market ufficiali, consultare le recensioni, ed evitare che i minori scarichino app senza la presenza di un adulto.

Se non si può fare a meno del wi-fi, usando le connessioni esterne come bar e ristoranti, adottare alcuni accorgimenti come evitare di accedere a servizi on line che richiedono credenziali di accesso.

Scegliere programmi antivirus, dotati anche di anti-spyware e anti-spam, aggiornare i software costantemente, è utile per evitare furti di dati o violazioni dalla privacy.

Nel caso di furto o smarrimento di un dispositivo, è opportuno non conservare eccessive informazioni personali e prendere precauzioni come evitare che i browser e app memorizzino le credenziali di accesso ai siti, e proteggere i contenuti all’interno dei dispositivi con codici di accesso sicuri e conservare il codice IMEI, che serve per bloccare il dispositivo a distanza. Comunque prima di partire, sarebbe utile fare un backup delle informazioni.

Per l’utilizzo di sms e chat, fare molta attenzione prima di scaricare programmi o aprire allegati. Una semplice precauzione è quella di non aprire messaggi sconosciuti, se si fa uso di un pc, si può passare il mouse su un link senza cliccarlo e verificare – in basso a sinistra nel browser – la URL reale al quale si è indirizzati.

Se si fa volare un drone a fini ricreativi munito di fotocamera su una spiaggia o in un altro luogo di vacanza, è meglio evitare di invadere gli spazi personali e l’intimità delle persone ricordando che la diffusione di riprese realizzate con lo stesso può avvenire solo previo consenso dei soggetti ripresi, in altri casi la diffusione delle immagini può avvenire solo se i soggetti non sono riconoscibili. I droni non si possono utilizzare per carpire le altrui conversazioni, né per riprendere spazi privati o targhe automobilistiche.

La miglior difesa durante il periodo delle vacanze è il buon senso e la consapevolezza di prestare attenzione alle nuove tecnologie usate per imprimere nella memoria i ricordi più belli.

Usare semplici regole per tutelare la sicurezza.

19/07/2018 Sito del Garante della privacy.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *