Sim aziendali: i dati telefonici esterni dei dipendenti non possono essere usati a fini disciplinari

sim-151268_640

Approvazione del Garante privacy ad un sistema per il controllo dei consumi per i telefoni aziendali. La multinazionale, che ha esposto il progetto all’Autorità, dovrà attenersi a precise misure per la tutela della riservatezza dei lavoratori.

Per ridurre i costi aziendali e valutare l’idoneità del contratto sottoscritto con il fornitore telefonico, le società del gruppo, per il bilanciamento di interessi riconosciuti dal Garante, potranno trattare alcune informazioni tratte dalla fatturazione bimestrale inerenti alle chiamate in uscita dei dipendenti a cui sono state assegnate una o più sim aziendali.

Il Garante ha stabilito, in conformità alla disciplina in materia di protezione dei dati, che le informazioni vengano trattate solo se necessarie e pertinenti, o se, in base alle condizioni contrattuali applicabili dal provider, abbiano dei costi. Sui numeri in uscita e, in alcuni casi, in entrata, verrà adottato il mascheramento delle ultime quattro cifre; l’azienda specializzata che si occuperà dell’elaborazione sarà nominata responsabile del trattamento e dovrà restituire i risultati dell’analisi dei consumi ad ogni società del gruppo, e solo per il personale di propria appartenenza.

Laddove vi fossero consumi anomali la società rileverà le cause e, dove riterrà opportuno, indicherà al proprio interno la necessità di contenere i costi aziendali; i dati, comunque, non potranno essere trattati a fini disciplinari.

Allorché tale sistema è atto ad attuare un prevedibile controllo a distanza sull’attività dei dipendenti, bisognerà stipulare uno specifico accordo sindacale, o, in mancanza, occorrerà richiedere la specifica autorizzazione alla Direzione territoriale del lavoro, da parte di ciascuna società, nel rispetto della disciplina di settore.

Secondo il Codice privacy, il Garante ha valutato i tempi di conservazione dei dati nel limite di sei mesi, e non di un anno, come invece richiesto dalla società. La multinazionale informerà in modo adeguato i dipendenti e adotterà un regolamento interno per disciplinare le condizioni d’uso delle sim in dotazione. Il file sul quale saranno memorizzati i dati tratti dal portale del fornitore del servizio di comunicazione elettronica, sarà protetto tramite tecniche di cifratura e nelle successive elaborazioni i dati saranno anonimizzati mediante tecniche che non permettano la re-identificazione degli interessati.

Doc. web.7554790

Data:26/01/18 Sito del Garante

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *