,

Il sistema di gestione code di poste italiane non rispetta la normativa sulla privacy

mailbox-25140_640

Poste italiane ha adottato, nel corso di questi anni, un sistema di gestione code che non rispetta la normativa inerente al trattamento dei dati personali.

Il sistema utilizzato, infatti, permette un monitoraggio pressoché costante e invasivo nei confronti dei dipendenti grazie a un sistema in grado non solo di rendere visibili i nomi degli operatori, come lamentato dai dipendenti, ma, attraverso una consolle operativa, anche di monitorare le attività lavorative degli impiegati.

Il ricorso al Garante è nato dall’iniziativa dei dipendenti e dei sindacati, le doglianze dei quali vertevano inizialmente sull’esibizione non concordata a livello contrattuale, anche in sede sindacale, dei loro nominativi durante l’accesso agli sportelli.

Nonostante Poste Italiane abbia più volte dichiarato come tale utilizzo fosse stato adottato al fine di migliorare il rapporto tra operatori e clienti, il Garante nel corso dell’istruttoria ha avuto modo di rilevare diverse irregolarità in termini di trattamento di dati personali.

Tra queste, innanzitutto, la mancata informativa resa agli interessati con relativo consenso, la mancata menzione nel contratto di lavoro stipulato tra le forze sindacali e Poste Italiane ed infine, la possibilità per i dati trattati di essere estrapolati a fini meramente profilativi e quindi ben fuori dai confini espressi nell’articolo 4 c.1 Legge 20 maggio 1970, n. 300 così come riformata dal D. Lgs n. 151 14/09/2015.

Il Garante, con decorrenza immediata, ha inibito a Poste italiane l’utilizzo dei dati trattati in modo illecito e ha imposto all’Azienda di non servirsi più del sistema posto in essere poiché non conforme alle finalità “organizzative e produttive”, “di sicurezza del lavoro” e “di tutela del patrimonio aziendale”, disponendo comunque la conservazione dei dati al fine di consentire alle parti lese l’adeguata tutela giurisdizionale e alle Autorità la possibilità di espletare ulteriori indagini.

Doc. web n. 7355533

Data:21/12/17 Sito del Garante

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *